Newsletter

Iscriviti alla newsletter

(inserisci la tua e-mail)

PARTNERS

FIMPST SIMERNET SIMREG
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Verifica qui!

Home : Editoriali : Eventi

2009: anno del respiro

Data aggiornamento: 13/05/2009
Il 2009 anno del respiro contro l’espansione delle malattie pneumologiche

Ogni giorno più di 300 morti, e 90 diagnosi di cancro. Un totale di 10 milioni di persone malate, di cui 8 milioni in forma cronica. Sono numeri da epidemia quelli che riguardano le malattie dell'apparato respiratorio in Italia. Dati che confermano per il nostro Paese le stime dell'Organizzazione mondiale della sanità, che prevede che le malattie respiratorie passeranno entro il 2010 dall'attuale terzo posto al primo come causa di morte in tutto il mondo.

Un’esplosione che porta con sé una richiesta di maggiore attenzione, conoscenza e sensibilizzazione a questi temi; anche da parte della popolazione. Proprio per questo, il 2009 è stato ufficialmente battezzato il 27 marzo scorso dal Consiglio dei ministri come "Anno del respiro".
A chiederne l’istituzione ufficiale sono state le società scientifiche Aipo (Associazione italiana pneumologi ospedalieri), Simer (Società italiana malattie respiratorie), Fimpst (Federazione italiana per la lotta alle malattie polmonari e sociali e la tubercolosi), e Uip (Unione italiana per la pneumologia).

Un’emergenza sanitaria, dunque, ma non solo. A pesare sono anche i costi, sociali ed economici, delle malattie respiratorie. L'impatto economico, infatti, è davvero imponente. Sia nei costi diretti (dovuti per oltre il 70% all'ospedalizzazione) che vanno dagli 80 mila euro di costo medio annuo per un paziente con tumore al polmone ai 5-6 mila dei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), ai 4-5 mila euro degli asmatici. Sia nei costi sociali come le assenze sul lavoro, o quelli legati alla gestione non appropriata della malattia.

L’"Anno del respiro" in «una serie di iniziative, coordinate tra loro, volte alla sensibilizzazione ed alla divulgazione della prevenzione delle malattie dell’apparato Respiratorio, all’azione sulle cause e sulla capacità di trattamento, nonché all’instaurazione di uno stabile rapporto di collaborazione sulle problematiche socio-sanitarie delle malattie respiratorie con le istituzioni Pubbliche Italiane».

Con l’appoggio del Governo, quindi, tutte le associazioni promotrici organizzeranno eventi e si impegneranno a informare i cittadini attraverso diversi strumenti. Le iniziative culmineranno il prossimo sabato 24 maggio, con la consueta Giornata del respiro che, per l’occasione, si prolungherà per un'intera settimana con visite gratis ed esami di spirometria nelle diverse città italiane. Prevista anche una campagna con spot televisivi e messaggi radiofonici.

«Con l'istituzione dell'anno del respiro - ha affermato Antonino Mangiacavallo, presidente Fimpst - abbiamo voluto accendere i riflettori su queste malattie che hanno un costo sanitario e sociale enorme».

La Redazione di Pneumonet

Spedisci questa pagina ad un amico    Apri questa pagina in versione stampabile

ACCEDI
ai servizi riservati

E-mail

Password




Cerca nel sito

Ricerca Avanzata >>