Newsletter

Iscriviti alla newsletter

(inserisci la tua e-mail)

PARTNERS

FIMPST SIMERNET SIMREG
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Verifica qui!

Home : Editoriali : Patologie respiratorie

Influenza A

Data aggiornamento: 18/12/2009

Viaggi

Pneumonet - Influenza AStando a quanto ha fatto sapere il Governo, la stragrande maggioranza dei casi di influenza A registrati in Italia coinvolgono persone provenienti dall’estero. Ecco dunque che, in coincidenza con le ferie estive, particolari accorgimenti vanno presi per chi si reca in una zona a particolare rischio di contagio.


Sebbene né le istituzioni italiane né l’Oms ad oggi abbiano sconsigliato i viaggi, il ministero ha aperto una sezione internet con consigli e raccomandazioni utili per i viaggiatori al fine di contenere quanto più possibile il contagio.

In caso di malattia contratta durante una permanenza all’estero, nei Paesi dell’Unione europea è prevista la copertura delle spese sanitarie se si possiede la Tessera europea di assicurazione malattia (cioè la nostra tessera sanitaria). La stessa tutela si estende all’interno dello spazio economico Europeo (Islanda, Liechtenstein, Norvegia) e in Svizzera.

Ciò significa che in caso di bisogno di cure mediche, presentando la tessera all’ospedale pubblico o alla struttura convenzionata, si ha diritto a tutte le cure necessarie. Le prestazioni sono gratuite, salvo il pagamento dell’eventuale ticket o di altra partecipazione alla spesa che è a diretto carico dell’assistito.

Per quanto riguarda il resto del mondo, con alcuni Paesi quali Argentina, Australia, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Capoverde, Città del Vaticano e Santa Sede, Croazia, Macedonia, Principato di Monaco, San Marino, Serbia, Montenegro, Tunisia, sono vigenti accordi di sicurezza sociale che prevedono una copertura di spese sanitarie dietro presentazione di appositi modelli, rilasciati dalle Asl di appartenenza, all’istituzione competente del Paese ospitante; è necessario quindi, prima di un viaggio, recarsi alla propria Asl per munirsi del modello per l’assistenza sanitaria all’estero.
Per i Paesi con cui non esistono convenzioni, come gli Stati Uniti, è consigliabile la stipula di una polizza sanitaria prima del viaggio.

Torna Su
Spedisci questa pagina ad un amico    Apri questa pagina in versione stampabile