Newsletter

Iscriviti alla newsletter

(inserisci la tua e-mail)

PARTNERS

FIMPST SIMERNET SIMREG
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Verifica qui!

Home : Editoriali : Patologie respiratorie

Influenza A

Data aggiornamento: 18/12/2009

Virus influenzali

Pneumonet - Influenza AEsistono tre tipi di virus influenzali: A, B, e C. I virus dell'influenza A sono classificati secondo le loro proteine di superficie, l'emoagglutinina (Ha) e la neuramminidasi (Na): dalle combinazioni di tali proteine derivano le sigle che definiscono i ceppi di ogni epidemia (es.: H5N1).
Sono i sottotipi dell'influenza A ad infettare l'uomo. In particolare, sono stati studiati i ceppi H1N1, H1N2, H3N2 e H2N2.

Quest'ultimo, non infetta l'uomo dagli anni '60. Il virus dell'influenza A può andare incontro a mutamenti genetici ed essere causa di malattia in altre specie animali.

Il virus dell'influenza A può mutare in due modi: uno di questi viene chiamato «drift antigenico» e consiste in piccoli mutamenti genetici che avvengono continuamente. Una persona affetta da un particolare ceppo virale sviluppa anticorpi A; se è in circolo un altro ceppo virale, quegli anticorpi non riconoscono a lungo il nuovo virus e la persona si ammala. E' per questo che la gente può contrarre l'influenza molte volte, ed è per questo che ci si vaccina ogni anno.

L'altro tipo di mutazione del virus si chiama «shift antigenico» e consiste in una combinazione delle proteine N e H che porta ad un nuovo sottotipo dell'influenza A. Se un nuovo sottotipo di influenza A infetta la popolazione umana, e se questa non è capace di elaborare un'efficace risposta immunitaria, si diffonde una pandemia.
Lo shift antigenico avviene raramente.

Torna Su
Spedisci questa pagina ad un amico    Apri questa pagina in versione stampabile

ACCEDI
ai servizi riservati

E-mail

Password




Cerca nel sito

Ricerca Avanzata >>