Newsletter

Iscriviti alla newsletter

(inserisci la tua e-mail)

PARTNERS

FIMPST SIMERNET SIMREG
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Verifica qui!

Home : Editoriali : Attualità sanitaria

Allergie e asma: bisogna migliorare l'aria
delle scuole

Data aggiornamento: 24/01/2011

Carta del farmaco Prevenire i fattori di rischio per allergie e asma anche a scuola migliorando la qualità dell’aria. Dallo scorso 13 gennaio questo è di fatto un obbligo di legge contenuto nell’atto di indirizzo, pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

L’accordo è stato siglato dalle regioni e dagli enti locali per migliorare l’aria nelle scuole con alcuni suggerimenti pratici: abbandonare l’uso dei gessetti, favorire sempre la ventilazione e il ricambio dell'aria, spolverare quotidianamente le aule, disinfettare i giochi dei bambini, evitare il più possibile di usare carta da parati, tappeti o le moquette nelle aule, usare vernici per mobili e prodotti per la pulizia non tossici.

In Italia quasi il 30% dei bambini soffre di rinite allergica e il 20% tossisce frequentemente, spesso anche la notte (14%). Si capisce quindi l’importanza di migliorare la situazione agendo su tutti i fronti, incluso quello scolastico. E’ dimostrato che le interazioni esistenti tra inquinamento esterno e indoor, il traffico e le fermate dell’autobus fanno salire i valori delle polveri sottili PM10 che, entrando nelle aule, raggiungono concentrazioni anche superiori agli 80 µg/m³, il doppio della soglia per l’outdoor che la legge fissa a 40 µg/m³.

Tra i consigli, praticabili immediatamente e con risorse minime, si consiglia l’uso di piante "mangia veleni" (in grado di assorbire gli inquinanti) come la Felce di Boston, capace di rimuovere la formaldeide dall’ambiente al tasso di 20 microgrammi/ora o l’Areca che riduce, al tasso di 19 microgrammi/ora, xilene e toluene presenti all’interno. Se poi si volesse ritinteggiare classi o palestre, meglio utilizzare vernici foto-catalitiche o ecoattive, che trasformano le sostanze inquinanti in residui innocui (sali minerali, calcio), fungendo da agenti anti-inquinanti e antibatterici.

Leggi le Linee di indirizzo per la prevenzione nelle scuole dei fattori di rischio indoor per allergie ed asma: (Repertorio atti n. 124/Conferenza Unica).

A cura della Redazione di Pneumonet

Torna Su
Spedisci questa pagina ad un amico    Apri questa pagina in versione stampabile