Newsletter

Iscriviti alla newsletter

(inserisci la tua e-mail)

PARTNERS

FIMPST SIMERNET SIMREG
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Verifica qui!

Home : Editoriali : Eventi

Giornata Mondiale TBC

Data aggiornamento: 22/03/2010

La Giornata Mondiale contro la Tubercolosi

Giornata Mondiale contro la Tubercolosi 2010L’infezione più diffusa al mondo sta crescendo, e le armi per sconfiggerla scarseggiano. É la tubercolosi, patologia considerata una vera e propria sciagura in passato, ma che negli ultimi decenni è stata scarsamente considerata perché considerata una malattia facilmente guaribile con dei semplici antibiotici. Il guaio è che la malattia non è la stessa di alcuni anni fa: sta sviluppando resistenze a molti antibiotici, e la sua diffusione nella popolazione è oramai capillare. Basti pensare che una persona su tre al mondo ne è affetta (sebbene in nove casi su dieci in forma latente), e che ogni anno i morti sono 1 milione e 700mila circa.

Per risvegliare le coscienze riguardo questa pericolosa patologia, il 24 marzo è stata la Giornata mondiale contro la Tubercolosi. Anche quest’anno, nell’anniversario della scoperta del bacillo di Koch, si sono moltiplicate le iniziative per arginare l’infezione che è considerata la più grave al mondo per numero di morti di donne in età riproduttiva e la causa di morte principale nelle persone affette da Hiv o Aids.

Lo slogan della campagna di quest’anno era On the move against TB, pensato per fare il punto sul giro di boa del piano mondiale lanciato nel 2006 e con l’obiettivo di sconfiggere la patologia entro il 2015. Sebbene alcuni passi in avanti siano stati fatti sul fronte della ricerca e degli outcome, i fondi per prevenzione e ricerca continuano a scarseggiare, soprattutto considerando che la tubercolosi non è più solo un problema dei Paesi sottosviluppati. Da decenni non si producono nuovi farmaci specifici, e comunque i tempi della produzione sono più lenti di quelli di evoluzione della malattia.

Ma il vero nodo è la conoscenza e la prevenzione, e per questo l'AIPO (Associazione italiana pneumologi ospedalieri) ha distribuito materiale informativo e libretti didattici tra la popolazione, mentre corsi di formazione anche a distanza sono allo stati allo studio per i medici specialisti e di famiglia.

Torna Su

I numeri della Tubercolosi

Le più recenti stime parlano di quasi 9 milioni di casi di tubercolosi nel mondo. Le vittime sono quasi 2 milioni all’anno, sebbene fare stime precise sia in molti casi complesso. Il tasso di incidenza annuale varia da 356 ogni 100.000 abitanti in Africa a 41 ogni 100.000 abitanti in America.

Per molti ceppi di questa malattia esiste una cura, che è però molto lunga e complessa, e richiede una compliance molto severa. La scarsa adesione alla terapia comporta spesso lo sviluppo di ceppi più resistenti ai farmaci. Inoltre, povertà, malnutrizione e fumo fungono da amplificatori: mentre in condizioni normali una persona su 10 si ammala, in presenza di questi fattori la proporzione sale drasticamente. La diffusione su scala mondiale della malattia è oggi in espansione.

Torna Su

A cura della Redazione di Pneumonet

Spedisci questa pagina ad un amico    Apri questa pagina in versione stampabile