Newsletter

Iscriviti alla newsletter

(inserisci la tua e-mail)

PARTNERS

FIMPST SIMERNET SIMREG
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Verifica qui!

Home : Editoriali : Patologie respiratorie

Pericolo smog

Data aggiornamento: 19/05/2004

Progetto di Ricerca: Traffico veicolare e salute nel Comune di Padova”

IL PROGETTO DI RICERCA
E' stata intrapresa da parte del Dipartimento di Medicina Ambientale e Sanità Pubblica dell'Università degli Studi di Padova, in collaborazione con la Clinica Cardiologica della stessa Università e con l' ARPAV, una ricerca sui possibili effetti sulla salute dell' inquinamento da polveri sottili nel Comune di Padova.

Tali particelle rappresentano un importante componente dell'inquinamento urbano, al quale contribuisce anche il traffico veicolare. Numerosi studi, effettuati in moltissime parti del mondo, hanno individuato un'associazione tra esposizione ai livelli di inquinamento da polveri sottili ed un aumento della morbilità e della mortalità per malattie cardiopolmonari, soprattutto in soggetti con preesistenti patologie.

Scopo del progetto è quello di andare aldilà della riproduzione in Padova di questi studi, ricercando anche le ragioni fisiopatologiche che spiegano queste associazioni e soprattutto l'eventuale relazione tra l' effettiva esposizione individuale alle polveri e la morbilità. Le ricadute pratiche attese, riguardano l'acquisizione di elementi essenziali alla valutazione ed alla gestione del rischio derivante dall'inalazione di polveri sottili.

Torna Su

DESCRIZIONE DELLO SVOLGIMENTO DELLO STUDIO
Per l'effettuazione dello studio sono state create due coorti di pazienti tra gli abitanti di Padova, una di asmatici ed una di coronaropatici, individuando i soggetti sulla base del consumo di farmaci specifici. Queste coorti comprendono la quasi totalità di questo tipo di pazienti residenti in città e verranno seguite nel tempo sulla base di indicatori generali di effetto (accessi al Pronto Soccorso, ricoveri ospedalieri, consumo di farmaci, mortalità etc), da correlare con dati di inquinamento forniti dalle stazioni di rilevamento dell'ARPAV site nel Comune di Padova. All'interno di queste coorti verranno scelti due gruppi di soggetti, uno di pazienti asmatici ed uno di affetti da malattia coronarica, che verranno studiati individualmente in tre occasioni nell'arco di un anno, in periodi corrispondenti a diversi livelli di inquinamento.

Lo studio per entrambe le sottocoorti prevede il monitoraggio individuale per 24 ore dell'esposizione a polveri sottili di diversa granulometria (PM 10 e PM2.5) ed all'ozono, a cui seguirà un esame clinico dei singoli soggetti. Nel caso dei pazienti asmatici si controllerà l'andamento della malattia con vari parametri della funzione respiratoria ed il grado di infiammazione delle vie aeree, da correlare con i risultati dell'esposizione individuale all'inquinamento ambientale.

In particolare, il grado di ostruzione bronchiale verrà misurato dai pazienti stessi nei tre periodi dell'anno - estate, autunno, inverno - utilizzando un piccolo strumento elettronico (Piko-1). L'infiammazione verrà valutata con metodi completamente non invasivi che prevedono l'analisi di gas (ossido nitrico) e altri componenti dell'aria espirata.

Analogamente, nel caso dei pazienti coronaropatici si valuteranno vari parametri di funzionalità cardiaca ed alcuni indici di infiammazione, anch'essi da correlare con l'esposizione individuale all'inquinamento.

Lo stato di attuazione del progetto è in fase avanzata, in quanto sono già state create le due coorti: quella degli asmatici sulla base dei consumi di broncodilatatori, quella dei coronaropatici sulla base dei consumi di nitrati (vasodilatori coronarici). Da queste verranno a breve (maggio 2004) create le sottocoorti selezionando in maniera randomizzata e su base di adesione volontaria, 30 soggetti asmatici e 30 soggetti coronaropatici.

L'inizio della parte sperimentale, che comprende la valutazione dell' esposizione individuale e lo studio clinico dei singoli soggetti, è previsto per l'estate 2004.

Torna Su

GLI STRUMENTI UTILIZZATI
Qui sotto trovi le foto degli strumenti presentati in conferenza stampa e che serviranno alle due coorti di soggetti aderenti allo studio per misurare il proprio grado di ostruzione bronchiale.

Torna Su
Spedisci questa pagina ad un amico    Apri questa pagina in versione stampabile