Newsletter

Iscriviti alla newsletter

(inserisci la tua e-mail)

PARTNERS

FIMPST SIMERNET SIMREG
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Pneumonet ha ottenuto la prestigiosa certificazione HON Code!
Verifica qui!

Home : Editoriali

Vaccini

Data aggiornamento: 17/11/2006

Introduzione

Pneumonet - Focus sui vacciniL’organismo umano si difende dalle malattie infettive producendo anticorpi, sostanze in grado di neutralizzare gli agenti infettivi: è questo il processo che avviene “naturalmente” quando si viene colpiti per la prima volta da una malattia infettiva.

Il principio sul quale si basa la vaccinazione mima quanto avviene naturalmente, ovvero induce la produzione di anticorpi contro specifiche malattie in modo che l'organismo sia protetto prima di venire a contatto con la malattia.

Le vaccinazioni non si limitano però a proteggere il singolo individuo vaccinato, ma costituiscono un esempio di protezione di “comunità”, infatti, con la vaccinazione di un grande numero di pazienti si forma una specie di “barriera”, che ostacola la circolazione del patogeno, limitando il numero di individui vulnerabili.

Questo meccanismo (“immunità di gregge”) può portare ad una fortissima riduzione dei casi di malattia e a volte persino alla scomparsa della malattia stessa, come è accaduto con il vaiolo e come sta accadendo per la poliomielite.

Torna Su

Cos’è un vaccino

Pneumonet - Focus sui vacciniUn vaccino è un prodotto costituito da una piccolissima quantità di microrganismi (virus o batteri) uccisi o attenuati, o da una parte di essi, progettato in modo da stimolare nel corpo la reazione immunitaria.

Come viene “preparato”
I vaccini sono prodotti in diverse maniere, ma in tutti sono presenti le componenti (antigeni) che si trovano nei comuni virus o batteri, e che sono in grado di stimolare i meccanismi naturali di difesa del nostro corpo.

Attenuazione dei virus
Tramite questa strategia, i virus vengono indeboliti così da riprodursi con molta difficoltà all’interno dell’organismo. I vaccini contro il morbillo, la parotite, la rosolia e la varicella sono fatti in questa maniera. Il vantaggio dei virus vivi "attenuati" è che una o due dosi di vaccino determinano una immunità che dura tutta la vita.

Inattivazione dei virus
Con questo metodo i virus vengono inattivati completamente o uccisi, con sistemi chimici.
Sono fatti in questo modo i vaccini polio-inattivato (IPV Salk), epatite-A, un tipo di vaccino contro l’influenza e il vaccino contro la rabbia. Il vantaggio di questo approccio è che il vaccino non può causare, neanche in forma lieve, la malattia da prevenire, in quanto i patogeni sono completamente inattivi.

Parti di batteri o di virus
In questo caso viene usata per la produzione del vaccino la componente batterica specifica che causa la malattia (la tossina) (o quella che causa la reazione di riconoscimento immunitaria) dopo essere stata inattivata chimicamente.
Dopo l’inattivazione la componente scelta mantiene la capacità di stimolare il sistema immunitario ma non può più causare danni. Sono fatti in questo modo i vaccini contro la difterite, il tetano e i nuovi vaccini acellulari contro la pertosse.

Torna Su

Controindicazioni

Pneumonet - Focus sui vacciniVi sono alcune situazioni che possono controindicare la vaccinazione; è necessario, quindi, prima della vaccinazione si consulti il medico curante che valuterà lo stato di salute ed indicherà se la vaccinazione deve essere rimandata o evitata.

Controindicazioni temporanee
Si tratta di situazioni transitorie che escludono la vaccinazione solo per il periodo di tempo cui sono presenti: malattie acute con febbre di grado elevato vaccinazioni con virus viventi (quali MMR e OPV) se nei 30 giorni precedenti è stato somministrato un altro vaccino a virus viventi terapia, in corso, con farmaci che agiscono sul sistema immunitario o con cortisonici ad alte dosi.

Controindicazioni definitive
E' opportuno che al paziente non vengano somministrati alcuni vaccini quando:
  • ha manifestato gravi reazioni a precedenti vaccinazioni
  • è affetto da malattie neurologiche in evoluzione
  • è affetto da malattie congenite del sistema immunitario
  • è allergico alle proteine dell'uovo (se il vaccino ne contiene)
  • è allergico ad alcuni antibiotici quali streptomicina e neomicina (se il vaccino ne contiene)

Se il paziente è affetto da malattie immunosoppressive quali leucemie, tumori, AIDS, la situazione va valutata caso per caso.

Torna Su

Vaccinarsi prima di iniziare un viaggio

Pneumonet - Focus sui vacciniOgni volta che si parte per una destinazione qualunque, soprattutto straniera, è opportuno verificare che le vaccinazioni previste siano state eseguite, e se qualche vaccinazione, o richiamo, non è ancora stata effettuata, è necessario provvedere alla somministrazione.

Il rispetto del calendario vaccinale raccomandato, infatti, assicura un’adeguata protezione per le malattie infettive più importanti che si possono prevenire con la vaccinazione a qualunque latitudine. È anche opportuno, se il viaggio è stato pianificato, effettuare le vaccinazioni consigliate con un certo anticipo (possibilmente due mesi).

Infine, è bene ricordare che le vaccinazioni da tenere maggiormente “sotto controllo” sono quelle contro tetano e difterite, che prevedono richiami periodici ogni 10 anni dopo la conclusione del ciclo primario.

Torna Su

Il Piano Nazionale Vaccini

Pneumonet - Focus sui vacciniLa Commissione Vaccini del Ministero della Salute ha elaborato il nuovo Piano Nazionale Vaccini 2005-2007, un doveroso aggiornamento del precedente Piano 1999-2000.


Il documento è stato redatto considerando i seguenti obiettivi generali:
  • mantenere elevate coperture vaccinali per le malattie per le quali sono stati raggiunti gli obiettivi previsti dai Piani Sanitari Nazionali 1998-2000 e 2003-2005, nonché dall’Ufficio Regionale Europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità;

  • promuovere appropriati interventi vaccinali di recupero per le malattie per le quali è già stata definita una strategia operativa di base, ma per le quali non sono ancora stati raggiunti livelli di copertura ottimali;

  • fornire indicazioni sui nuovi obiettivi perseguibili e sull’avvio di iniziative mirate di prevenzione vaccinale in seguito alla recente disponibilità di nuovi vaccini, come indicato dal PSN 2003-2005;

  • incrementare la sicurezza delle pratiche di immunizzazione;

  • incrementare gli interventi di ordine strutturale, organizzativo, formativo e comunicativo necessari per consentire l’evoluzione della politica vaccinale dall’ambito degli interventi impositivi a quello della partecipazione consapevole delle famiglie.

Nella parte prima vengono affrontate le problematiche derivanti dalla comparsa sulla scena di nuovi vaccini, con particolare riferimento alla necessità di delineare strategie appropriate alla realtà nazionale e regionale e viene proposto un calendario delle vaccinazioni di provata efficacia, da offrire sulla base delle strategie delineate.

La parte seconda è dedicata alla problematica dei possibili eventi avversi a seguito di vaccinazione, esaminando le modalità per l’attuazione di una corretta sorveglianza che non si limiti alla notifica, peraltro obbligatoria, dell’evento, ma assicuri un adeguato follow up dei casi di reazione avversa grave, anche ai fini del giusto indennizzo da corrispondere a quei casi, per quanto rarissimi, di complicanze gravi ed irreversibili a seguito di vaccinazione.

Torna Su

Il calendario delle vaccinazioni

Pneumonet - Focus sui vacciniL’attuale calendario delle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate per l'età evolutiva, il cui ultimo aggiornamento è stato effettuato sulla base del Piano Nazionale Vaccini 2005-07, è il seguente:

Clicca qui per visualizzare il
"Calendario delle vaccinazioni"

Note
Per terzo mese di vita si intende il periodo che intercorre dal compimento del 61° giorno di vita fino al 90° giorno di vita, ovvero dal compimento della 8a settimana di vita fino alla 12a settimana di vita.

Nei nati da madre HBsAg positiva si somministrano contemporaneamente, entro 12-24 ore dalla nascita ed in siti separati, la prima dose di vaccino (HB) e una dose di immunoglobuline specifiche anti-epatite B (HBIG). Il ciclo va completato da una seconda dose a 4 settimane dalla prima, da una terza dose dopo il compimento dell’ottava settimana (può coincidere con la prima somministrazione del ciclo normale) e da una quarta dose all’11° mese (può coincidere con la 3a dose del ciclo normale).

Vaccino pneumococcico coniugato eptavalente: programmi di ricerca attiva e vaccinazione dei soggetti a rischio elevato; per gli altri soggetti vaccinazione in base a specifici programmi regionali.

E’ possibile la co-somministrazione al 13° mese della prima dose del vaccino MPR e della terza dose dei vaccini DTaP, IPV, HB e Hib
MPR2: seconda dose ovvero dose di recupero (Piano nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita - G. U. s. g. n. 297 – suppl. ord. N. 195 del 23/12/03).

Vaccino meningococcico C coniugato: programmi di ricerca attiva e vaccinazione dei soggetti a rischio elevato; per gli altri soggetti vaccinazione in base a specifici programmi regionali.

Varicella: limitatamente alle Regioni con programmi vaccinali specifici in grado di garantire coperture superiori all’80%

Varicella: programmi di ricerca attiva e vaccinazione degli adolescenti con anamnesi negativa per varicella

Torna Su
Tratto e modificato da:
http://www.simit.org
Il sito della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali
http://www.levaccinazioni.it
Network dedicato alle vaccinazioni
http://www.viaggiaresicuri.mae.aci.it
Il sito cordinato da Ministero degli Esteri e Aci, per chi viaggia
http://www.ministerosalute.it/promozione/malattie/malattie.jsp
La sezione di malattie infettive del sito ufficiale del Ministero della sanità, offre la possibilità di consultare schede su molte malattie infettive prevenibili con vaccinazione.
http://www.who.int/vaccines/
E' la sezione del sito dell'OMS dedicata alle vaccinazioni ed alle malattie da questi prevenibili.
http://www.port.venice.it/sanimav/paesi/paesi.html
Informazioni per i viaggiatori, dal servizio sanitari dell’autorità portuale di Venezia


A cura del Dott. Renato Testi
Specialista in Malattie dell'Apparato Respiratorio.
Frequenta il Servizio di Fisiopatologia Respiratoria della
Medicina Interna D del Policlinico GB Rossi
di Bg. Roma dell'Università degli Studi di Verona.

Torna Su
Spedisci questa pagina ad un amico    Apri questa pagina in versione stampabile